Nome e Titolo del Santo del Giorno

San Camillo de Lellis (Camillo de Lellis) - Sacerdote

 

Quando si festeggia San Camillo de Lellis?

La ricorrenza in cui si celebra è il giorno 14 Luglio

Come si determina il Santo del giorno?

 

Onomastico del nome

Camillo (Camilla)

 

Vita ed opere

Camillo nasce nel 1550 a Bucchianico, nei dintorni di Chieti. Di famiglia benestante, il padre era militare al servizio di Carlo V, e la madre piuttosto anziana quando nacque questo figlio. Nonostante avesse imparato a leggere e scrivere, Camillo era un ragazzino ribelle e vivace, che perse ogni freno dopo la morte della madre. Seguendo il padre nella vita militare, apprese i modi e soprattutto i vizi dei soldati.

Dedito al gioco, combatteva come mercenario per poter impiegare ai dadi i suoi guadagni. Ferito ad un piede, dovette farsi ricoverare a Roma, presso l'ospedale di San Giacomo degli Incurabili. Allontanato dalla casa di cura per il vizio del gioco, tornò a combattere per la corte spagnola, ma di nuovo venne congedato a 24 anni (1574). Proseguì la sua vita di vagabondo, in povertà, continuando a perdere al gioco fino a ridursi in tale miseria da dover chiedere l'elemosina. Finì per essere assunto come manovale nel convento dei cappuccini di Manfredonia, dove arrivò la conversione.

Preso l'abito dei cappuccini, dovette tuttavia rientrare a Roma per tornare a curarsi il piede infetto. Colpito dall'ignoranza e dalla rudezza del personale infermieristico, allora reclutato spesso tra le classi più infime, decise di riunire una compagnia che si dedicasse completamente ai malati, con tutt'altri modi e preparazione. A più di trent'anni si rimise quindi a studiare, per poter prendere i voti e fondare un ordine religioso indipendente. Nacque così nel 1582 la "Compagnia dei Ministri degli Infermi", riconosciuta nel 1591 da papa Gregorio XIV e nota oggi con il nome di Camilliani.

Camillo ed i compagni presero i voti solenni, e si distinsero per la delicatezza e la dedizione con cui si occupavano degli infermi. Morì nel 1614.
 

Miracoli di San Camillo de Lellis

Si narra che Camillo fosse stato un figlio molto atteso, avuto dalla madre a 60 anni di età. Annunciato da un sogno premonitore, la gioia della sua nascita era offuscata da un segno che la madre avrebbe visto in sogno: una croce rossa. Inteso come simbolo di disgrazia, la profezia sembrava concretizzata con il comportamento ribelle di Camillo. Con la conversione e la dedizione ai malati di Camillo invece si spiega la vera natura di quel simbolo di speranza e cura ai modibondi, ultimi degli ultimi.
 

Venerato da

Chiesa cattolica

 

San Camillo de Lellis protettore e patrono

Protettore degli infermieri, degli ospedali e degli ammalati in genere

Patrono della regione italiana d'Abruzzo

 

Santuario principale

Chiesa della Maddalena, Roma

 

Martirologio romano

San Camillo de Lellis, sacerdote, che, nato vicino a Chieti in Abruzzo, dopo aver seguito fin dall’adolescenza la vita militare ed essersi mostrato incline ai vizi del mondo, maturò la conversione e si adoperò con zelo nel servire i malati nell’ospedale degli incurabili come fossero Cristo stesso; ordinato sacerdote, fondò a Roma la Congregazione dei Chierici regolari Ministri degli Infermi.

 

Vedi tutti i santi del mese di Luglio 2020