Nome e Titolo del Santo del Giorno

San Felice da Nola (Felice da Nola) - Sacerdote e Martire

 

Quando si festeggia San Felice da Nola?

La ricorrenza in cui si celebra è il giorno 14 Gennaio

Come si determina il Santo del giorno?

 

Onomastico del nome

Felice (Feliciana)

 

Vita ed opere

Felice nacque e visse a Nola fra III e IV secolo. Sembra fosse originario di una famiglia benestante, e che il padre provenisse dalla Siria. Aveva ereditato grandi ricchezze ma, contrariamente al fratello, alla vita mondana preferì quella religiosa.

Era particolarmente vicino al vescovo della città, Massimo, con cui collaborava come sacerdote. Durante le persecuzioni contro i cristiani, Felice fu imprigionato e torturato a lungo, ma riuscì a fuggire e a soccorrere il vescovo che si era rifugiato sulle montagne.

Tornata la pace per i cristiani, Felice tornò in città, rifiutando per umiltà di succedere a Massimo come vescovo di Nola. Continuò invece a servire la chiesa come semplice sacerdote, morendo a Nola in una data non conosciuta, nella prima metà del IV secolo.

Anche se non fu ucciso, è considerato martire per via della prigionia e delle torture subite.
 

Miracoli di San Felice da Nola

Secondo la tradizione, Felice fu liberato dalla prigionia per opera di un Angelo. Rifugiatosi poi in una caverna sulle montagne, fu miracolosamente salvato dalla cattura poiché un ragno lo nascose alla vista dei nemici tessendo una fitta ragnatela.
 

Venerato da

Chiesa cattolica

 

San Felice da Nola protettore e patrono

Protettore di coloro che hanno problemi di vista

Patrono delle località campane di San Felice a Cancello, Cimitile, Tavernola San Felice

 

Martirologio romano

A Nola in Campania, san Felice, sacerdote, che, come riferisce san Paolino, durante l’imperversare delle persecuzioni, patì in carcere atroci torture e, una volta ristabilita la pace, fece ritorno tra i suoi, ritirandosi in povertà fino ad avanzata vecchiaia, invitto confessore della fede.

 

Vedi tutti i santi del mese di Gennaio 2020