Nome e Titolo del Santo del Giorno

San Massimiliano Maria Kolbe (Rajmund Kolbe) - Sacerdote e martire

 

Quando si festeggia San Massimiliano Maria Kolbe?

La ricorrenza è il giorno 14 Agosto

Come si determina il Santo del giorno?

 

Onomastico del nome

Massimiliano (Massimo)

 

Vita ed opere

Rajmund Kolbe nasce nel 1894 in Polonia, nella cittadina di Zdunska-Wola. I genitori erano cattolici, e nonostante la famiglia fosse modesta cercarono di dare una buona educazione ai quattro figli. Rajmund ricevette una istruzione elementare, che poté completare in collegio presso i francescani, a Leopoli, dove studierà anche uno dei suoi fratelli. Nel 1910, deciso a rimanere nell'ambiente francescano, il giovane prende l'abito da novizio ed il nome di Massimiliano.

Si sposta in seguito a Roma, presso il Collegio Serafico Internazionale dell'Ordine Francescano. Prende i voti solenni nel 1914 e continua a studiare in Italia, occupandosi anche di materie scientifiche. Allegro e socievole, fa amicizia facilmente e si fa amare da tutti per il buon carattere. Particolarmente attaccato alla figura di Maria, fonda la Milizia dell'Immacolata, con l'obiettivo di "rinnovare ogni cosa" attraverso la Madonna. Rientrato in Polonia, nel 1927 vi fondò un convento con il nome di Città di Maria (Nepokalanow), che crebbe velocemente per fama e numero di accoliti.

Durante la guerra, Nepokalanow divenne un vero e proprio ospedale, dove non di rado venivano soccorsi e nascosti anche gli ebrei. Indebolito dalla tubercolosi, dopo una breve parentesi missionaria in Giappone, Massimiliano Maria Kolbe si stabilisce definitivametne in Polonia. Utilizza le sue conoscenze tecniche e scientifiche per trasformare gli emergenti strumenti di comunicazione (stampa e radio) in efficaci strumenti di evangelizzazione a servizio di Dio.

Arrestato una prima volta dalla Gestapo viene rilasciato poco dopo ma, nel 1941 il nuovo arresto è definitivo, e si conclude con la deportazione ad Aushwitz e la morte nello stesso anno.
 

La morte

Prigioniero nel campo, Padre Kolbe non si lascia scoraggiare dalle avversità, e continua il suo ministero celebrando Messa nonostante la proibizione. Si prodiga per sostenere i compagni, ed alleviarne come può le sofferenze. La solidarietà non era benvista dai carcerieri, e stupisce che abbiano accettato lo scambio di prigionieri in cui il Santo si offrì come condannato a morte per salvare un compagno. Dopo due settimane di agonia, Padre Kolbe spirò a causa di una iniezione letale, invocando il nome di Maria. 
 

Emblema

Palma
 

Venerato da

Chiesa cattolica

 

San Massimiliano Maria Kolbe protettore e patrono

Patrono dei radioamatori

 

Martirologio romano su San Massimiliano Maria Kolbe

Memoria di san Massimiliano Maria (Raimondo) Kolbe, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali e martire, che, fondatore della Milizia di Maria Immacolata, fu deportato in diversi luoghi di prigionia e, giunto infine nel campo di sterminio di Auschwitz vicino a Cracovia in Polonia, si consegnò ai carnefici al posto di un compagno di prigionia, offrendo il suo ministero come olocausto di carità e modello di fedeltà a Dio e agli uomini.

 

Vedi tutti i santi del mese di Agosto 2019