Nome e Titolo del Santo del Giorno

Sant'Angela Merici (Angela Merici) - Vergine e Fondatrice

 

Quando si festeggia Sant'Angela Merici?

La ricorrenza in cui si celebra è il giorno 27 Gennaio

Come si determina il Santo del giorno?

 

Onomastico del nome

Angela, Angelo (Angelina, Angelica)

 

Vita ed opere

Angela Merici nacque nel 1474 a Desenzano del Garda, città che in seguito la scelse come patrona. Era originaria di una famiglia di contadini ma il padre era colto e letterato, tanto che la fanciulla apprese la vita delle sante proprio dalle letture familiari.

Rimasta orfana di genitori e dopo aver perduto anche l'amata sorella, Angela i trasferì a Salò, in casa di uno zio. Qui la sua vocazione si fece sempre più forte, tanto che la ragazza entrò nel Terzo Ordine Francescano, facendo voto di castità. Continuò a mantenersi con umili lavori manuali di cucito e sartoria, anche quando dopo la morte dello zio rientrò nella città natale. La stima e l'affetto di tutti coloro che la circondavano crescevano col tempo, e ben presto Angela fu circondata da un gruppo di donne - altolocate o meno - che desideravano seguire le sue orme di una vita umile e dedita al signore ma in maniera per l'epoca non convenzionale.

La compagnia delle Dimesse di S. Orsola nasce nel 1535 proprio per rispondere a questa esigenza di rinnovamento. Le giovani che sino ad allora infatti avevano preso i voti nel Terzo Ordine non erano completamente protette: pur avendo la libertà di non dover vivere in convento e sottostare alla clausura, il Terzo Ordine non vietava il matrimonio, lasciando quindi le giovani in balìa delle eventuali volontà familiari in quanto a nozze.

La regola iniziale delle Orsoline prevedeva una vita non monastica, con la possibilità per le partecipanti di continuare a vivere nelle loro case e mantenersi con il loro lavoro. La loro missione era rivolta alla cura ed all'istruzione delle ragazze. La decisione di fondare questa compagnia - rivoluzionaria per la Chiesa dell'epoca - fu presa da Angela dopo il viaggio in Terrasanta.

Nel 1524 infatti Angela si era imbarcata da Venezia per un pellegrinaggio, ma appena sbarcata in Terrasanta aveva perso la vista. I luoghi che tanto desiderava visitare e venerare li vide perciò solamente "con gli occhi dell'anima", ma ebbe una visione celestiale in cui le apparvero angeli e una scala verso il cielo.

Angela morì a Brescia nel 1540, ma fu canonizzata solamente tre secoli più tardi, proprio per via della rivoluzionarietà delle sue idee.
 

Miracoli di Sant'Angela Merici

Sulla tomba della Santa, luogo di culto sin dalla sua sepoltura, sembra si siano verificati numerosi prodigi, soprattutto guarigioni.
 

Emblema

Giglio
 

Venerata da

Chiesa cattolica

 

Sant'Angela Merici protettore e patrono

Patrona di Desenzano del Garda, patrona secondaria della diocesi di Brescia

 

Santuario principale

Chiesa di Sant'Angela Merici (Brescia)

 

Martirologio romano

Sant’Angela Merici, vergine, che dapprima prese l’abito del Terz’Ordine di San Francesco e radunò delle giovani da formare alle opere di carità; quindi, istituì sotto il nome di sant’Orsola un Ordine femminile, cui affidò il compito di cercare la perfezione di vita nel mondo e di educare le adolescenti nelle vie del Signore; infine, a Brescia rese l’anima a Dio.

 

Vedi tutti i santi del mese di Gennaio 2020