Nome e Titolo del Santo del Giorno

Sant'Agnese di Montepulciano (Agnese Segni di Montepulciano) - Vergine

 

Quando si festeggia Sant'Agnese di Montepulciano?

La ricorrenza in cui si celebra è il giorno 20 Aprile

Come si determina il Santo del giorno?

 

Onomastico del nome

Agnese

 

Vita ed opere

Agnese Segni era originaria di una nobile famiglia toscana. Molte notizie sulla sua biografia sono state tramandate dagli scritti di Raimondo da Capua. Nata nel 1268 a Gracciano ed educata cristianamente, ancora bambina entrò in convento, sia per ricevere la prima istruzione che per seguire la vocazione che già sentiva. Visse dunque cinque anni nel monastero di Montepulciano delle "monache del Sacco"; un convitto di vergini che usavano utilizzare un abito di panno grezzo.

A seguito di questo periodo Agnese, che già si era distinta per la devozione e la virtù, seguì la sua maestra nei pressi di Viterbo, a Proceno, dove la congregazione fondò un nuovo monastero.

Dopo solo un anno di permanenza, Agnese assunse la carica di badessa a Proceno, e data la giovane età (quindici anni) le fu data una speciale dispensa pontificia. Vent'anni dopo, la santa si ammalò gravemente, a causa delle continue penitenze che avevano stremato il suo corpo, e dovettero obbligarla ad allentare la rigidità delle mortificazioni che si infliggeva.

La sua fama - e quella dei numerosissimi miracoli che compieva - era già grandemente diffusa, tanto che gli abitanti di Montepulciano richiesero ufficialmente al vescovo di farla tornare presso di loro.

Convinta che quella fosse la volontà divina, nel 1306 Agnese rientra in Toscana, fondando un nuovo convento a Montepulciano. Inizialmente affiliato alla regola agostiniana, dopo alcuni anni fu preso sotto la protezione dell'ordine domenicano.

Agnese morì a Montepulciano nel 1317.
 

Miracoli di Santa Agnese di Montepulciano

Impossibile fare un elenco esaustivo dei miracoli attribuiti a Sant'Agnese di Montepulciano, a partire dall'infanzia sino ai prodigi avvenuti post mortem. Si narra che quando nacque, nella stanza in cui venne alla luce comparvero moltissimi ceri, e che sin da giovane spesso l'estasi le provocasse un rapimento tale da renderla in grado di levitare nell'aria.

Secondo la tradizione inoltre, quando si recava a pregare in luoghi solitari comparivano fiori sotto le sue ginocchia, o Dio mandava Angeli a darle il sacramento eucaristico. Dalla sua salma inoltre stillò un olio profumato, che rese non necessaria l'imbalsamazione. Innumerevoli le guarigioni attribuite alla sua intercessione.

Sembra inoltre che la sera della sua morte la Santa sia apparsa a diverse persone in diverse località, e che nel sonno i bambini di Montepulciano si siano svegliati urlando la morte della monaca.
 

Emblema

Giglio
 

Venerata da

Chiesa cattolica

 

Sant'Agnese di Montepulciano protettore e patrono

Protettrice dei commercianti

Patrona delle fonti dei bagni di Chianciano e della città di Proceno

 

Santuario principale

Chiesa di S. Agnese (Montepulciano)

 

Martirologio romano

A Montepulciano in Toscana, santa Agnese, vergine, che a nove anni indossò l’abito delle sante vergini e solo quindicenne fu eletta, contro il suo volere, alla guida delle monache di Proceno nella Tuscia, dando poi nel monastero in seguito da lei fondato sotto la disciplina di san Domenico mirabile esempio di vera umiltà.

 

Vedi tutti i santi del mese di Aprile 2020