Nome e Titolo del Santo del Giorno

Santa Caterina di Alessandria (Caterina) - Martire

 

Quando si festeggia Santa Caterina di Alessandria?

La ricorrenza in cui si celebra è il giorno 25 Novembre

Come si determina il Santo del giorno?

 

Onomastico del nome

Caterina

 

Vita ed opere

Caterina d'Egitto visse nel III secolo. Originaria di una nobile famiglia pagana, ebbe la rara fortuna per l'epoca di ricevere una istruzione completa. Dedita agli studi ed alla cultura, di acutissimo ingegno, si dedicò in particolare alla filosofia. Realtà e leggenda si intrecciano nella sua vicenda, ed è difficile stabilire quali siano gli elementi storicamente attendibili rispetto a quelli frutto della volontà di chi scrisse la sua Passio di sottolineare la sua santità.

Sembra comunque che fosse stata richiesta in sposa dal fiore della nobiltà dell'epoca, ma che ella, avendo visto in sogno la Madonna che le proponeva un anello come Sposa Christi, avesse rifiutato con decisione ogni pretendente.

Giunta in contatto con le predicazioni cristiane, la sua cultura e la sua predisposizione d'animo la indussero a riconoscerne la Verità, motivo per cui si fece battezzare convertendosi con decisione. Proseguì quindi la sua vita come predicatrice, ammaestrando e portando alla conversione moltissimi pagani, compresi insegnanti e maestri.

La sua fama giunse all'orecchio dell'imperatore Massimiano, che la volle al suo cospetto per sentire dalla sua stessa voce quello che aveva da dire. Dichiaratasi cristiana e rifiutatasi di adorare gli idoli, la sua fede scatenò le ire dell'imperatore, che cercò di costringerla ad abiurare la fede attorniandola di dotti pagani. Caterina non cambiò idea, anzi, riuscì a convincere questi saggi della giustezza della fede cristiana, peggiorando la rabbia dell'imperatore, che infine la condannò ad una morte truculenta, probabilmente agli inizi del IV secolo (305 circa).
 

Miracoli di Santa Caterina di Alessandria

In occasione del martirio, numerosi sono i prodigi che circondano la morte di questa santa. Condannata ad essere legata su una ruota, mentre degli unicini le strappavano le carni, la macchina di tortura andò in mille pezzi non appena venne in contatto con il suo corpo. Destinata allora alla decapitazione, sembra che dalla ferita sia sgorgato latte invece che sangue.

Una volta deceduta, la leggenda vuole che degli Angeli siano scesi a raccogliere i suoi resti, per portarli in sepoltura sul Sinai. 
 

Emblema

Anello, Palma, Ruota
 

Venerata da

Tutte le chiese che ammettono il culto dei santi

 

Santa Caterina di Alessandria protettore e patrono

Patrona di studenti, filosofi, studiosi

Patrona di Locri, Guastalla, Bonassola, Rovereto sulla Secchia, Santa Caterina di NArdò, Collegnago, Guastalla, ed innumerevoli altre località italiane

 

Martirologio romano

Santa Caterina, secondo la tradizione vergine e martire ad Alessandria, ricolma di acuto ingegno, sapienza e forza d’animo. Il suo corpo è oggetto di pia venerazione nel monastero sul monte Sinai.

 

Vedi tutti i santi del mese di Novembre 2020