Nome e Titolo del Santo del Giorno

Santa Caterina di Svezia (Katarina Ulfsdotter) - Religiosa

 

Quando si festeggia Santa Caterina di Svezia?

La ricorrenza in cui si celebra è il giorno 24 Marzo

Come si determina il Santo del giorno?

 

Vita ed opere

Caterina nacque intorno al 1330, era figlia di un principe (Ulfone di Noricia) e della celebre Santa Brigida di Svezia. Entrambi i genitori erano particolarmente devoti, e Caterina era la seconda di otto figli. Da bambina venne affidata al monastero di Rosberg, dove ricevette un'educazione cristiana secondo il volere dei genitori.

Nonostante fosse pia e molto religiosa, in giovane età acconsentì alla volontà del padre e si sposò con un nobile, Edgarvon Kyren. Il marito condivideva con lei la morale religiosa, tanto che accettò la proposta di Caterina di fare voto di castità, e non consumarono mai il matrimonio.

Non vissero insieme per molto: quando infatti il principe Ulfone morì, Caterina seguì la madre a Roma, e con lei oltre ad occuparsi di assistenza ai bisognosi, si mise in viaggio per diversi pellegrinaggi, particolarmente pericolosi per due donne sole all'epoca.

Nel frattempo morì anche suo marito, ed una volta vedova Caterina decise di dedicarsi completamente alla vita religiosa.

Nel 1375, due anni dopo la morte dell'amata madre, Caterina entrò nel convento di Vadstena, dove cinque anni più tardi divenne badessa. Morì in convento il 24 marzo 1381.
 

Miracoli di Santa Caterina di Svezia

Si narra che, recatasi a Roma per assistere alla canonizzazione della madre, Caterina abbia miracolosamente salvato la città dalla pericolosa piena del Tevere.
 

Venerata da

Venerata dalla chiesa cattolica

 

Santa Caterina di Svezia protettore e patrono

Protettrice delle donne incinte contro l'aborto spontaneo

 

Martirologio romano

A Vadstena in Svezia, santa Caterina, vergine: figlia di santa Brigida, data alle nozze contro il suo volere, conservò, di comune accordo con il marito, la sua verginità e, dopo la morte di lui, condusse una vita pia; pellegrina a Roma e in Terra Santa, trasferì le reliquie della madre in Svezia e le ripose nel monastero di Vadstena, dove ella stessa vestì l’abito monacale.

 

Vedi tutti i santi del mese di Marzo 2020