Nome e Titolo del Santo del Giorno

Santa Giulia Billiart (Giulia Billiart) - Vergine e Fondatrice

 

Quando si festeggia Santa Giulia Billiart?

La ricorrenza in cui si celebra è il giorno 8 Aprile

Come si determina il Santo del giorno?

 

Onomastico del nome

Giulia, Giulio

 

Vita ed opere

Nata a Cuvilly nel 1751, Marie-Rose-Julie Billiart era figlia di una benestante famiglia di mercanti. Ricevette l'istruzione di base nelle scuole del paese, ma a sedici anni dovette lasciare la scuola per aiutare la famiglia, caduta in disgrazia a causa di un grave tracollo economico. Costretta a svolgere pesanti lavori manuali per guadagnare qualcosa, la giovane non si perse d'animo, ed anche quando pochi anni dopo (nel 1773) fu colpita da una grave paralisi alle gambe, ebbe la forza di dedicarsi al suo prossimo. Si impegnava in opere di carità, faceva catechismo ai bambini, il tutto sotto la guida del parroco della sua città.

Egli infatti aveva da subito notato la sua tendenza alla vocazione, tanto da averle concesso di ricevere la prima Comunione a soli nove anni. Seppur disabile, fu costretta a fuggire da Cuvilly durante la Rivoluzione Francese. Fu infatti accusata dalle autorità di aver prestato soccorso e fornito un nascondiglio ai parroci che si erano rifiutati di giurare obbedienza al nuovo ordinamento politico. Dopo essersi nascosta in campagna per alcuni anni, si trasferì ad Amiens.

Nella nuova città, Giulia continuò ad insegnare ed anzi, si adoperò per formare altre insegnanti. Non era particolarmente colta, ma suppliva alla sua ignoranza con impegno e determinazione. Con il sostegno del vescovo di Amiens Jean-François Demandolx, nel 1803 iniziò la vita comune con altre donne che condividevano il suo progetto religioso e morale, prime fra tutte Françoise Blin de Bourdon e Catherine Duchâtel. L'anno seguente le consorelle pronunciarono ufficialmente il voto di castità, e l'intenzione a dedicarsi totalmente all'educazione cristiana delle giovani più povere. Nel 1805 la Billiart divenne superiora dell'Ordine, e sia in Francia che in Belgio si moltiplicano le scuole fondate e gestite dalla sua congregazione.

Pochi anni più tardi (1809), cominciano a circolare voci calunniose sulla Santa, tanto che il vescovo di Amiens, dando credito alle menzogne, vorrebbe che Giulia si allontanasse dalla città. Le sue consorelle sono però solidali con la superiora, tanto che tutta la casa madre della congregazione viene spostata in Belgio, a Namur, e le suore prendono il nome di "Suore di Nostra Signora di Namur". Da questo momento sino alla morte, nel 1816, Suor Giulia si sposta tra Francia e Belgio, portando avanti la sua opera, sorvegliando e dando sempre nuovi impulsi ai luoghi di istruzione da lei creati.

Fu canonizzata nel 1969 da Papa Paolo VI. 
 

Miracoli di Santa Giulia Billiart

La Santa aveva il dono delle estasi, e fu proprio dopo un avvenimento di rapimento estatico che riacquistò la vista, persa al culmine di un periodo in cui la sua salute peggiorava vorticosamente. Altrettanto miracolosamente riacquistò l'uso delle gambe dopo anni di paralisi, che le impediva di camminare.

Durante il processo di canonizzazione sono stati riconosciuti come miracolosi due eventi (in Belgio ed in Brasile) riconducibili alla sua intercessione.
 

Venerata da

Chiesa cattolica

 

Martirologio romano

A Namur lungo la Mosa nel Brabante, nell’odierno Belgio, santa Giulia Billiart, vergine, che fondò l’Istituto di Santa Maria per la formazione della gioventù femminile e propagò con zelo la devozione verso il Sacratissimo Cuore di Gesù.

 

Vedi tutti i santi del mese di Aprile 2020