Nome e Titolo del Santo del Giorno

Santa Teresa d'Avila (di Gesù) (Teresa Sánchez de Cepeda Dávila y Ahumada ) - Vergine e Dottore della Chiesa

 

Quando si festeggia Santa Teresa d'Avila (di Gesù)?

La ricorrenza in cui si celebra è il giorno 15 Ottobre

Come si determina il Santo del giorno?

 

Onomastico del nome

Teresa

 

Vita ed opere

Teresa nasce nel 1515 ad Avila, figlia di seconde nozze del nobile  Alfonso Sánchez de Cepeda. Cresce in serenità e virtù insieme ai numerosi fratelli, e della sua infanzia lei stessa narra della carità del padre e della bontà della madre. La sua vocazione cresce con lei, ma il padre si oppone fermamente all'ingresso di Teresa in convento.

Viene mandata a studiare in un collegio religioso, ma dopo pochi anni è costretta a rientrare in famiglia per problemi di salute. Sempre più convinta del voler intraprendere la strada religiosa, fugge dalla casa paterna e si presenta al convento delle carmelitane di Avila, dove viene accolta e prende i voti nel 1537. Cagionevole di salute, dovette nuovamente tornare in famiglia per rimettersi, e finalmente due anni più tardi si stabilì definitivamente nell'infermeria del monastero, recuperando poco a poco la salute.

All'epoca le carmelitane erano piuttosto numerose, ed il convento era spesso teatro di visite esterne a volte di carattere piuttosto mondano. Teresa comprese che per superare la profonda crisi della religione era necessario tornare alle origini, e decise così di fondare una piccola congregazione le cui consorelle si dedicassero ad una clausura stretta, ritirandosi in preghiera e ritrovando il fervore originario. Nonostante le violente opposizioni alla riforma, il piccolo monastero, inizialmente segreto, riscosse tanto successo da convincere Teresa ed i suoi superiori della bontà dell'idea.

Fu così che la santa cominciò a percorrere tutta la Spagna, fondando altri conventi sullo stesso stampo. A quelli per le suore si aggiunsero ben presto quelli per i monaci, fornendo così al gruppo femminile un corpo di sacerdoti e guide che seguivano la loro stessa regola e vita di preghiera totalizzante. Teresa continuò la sua opera nonostante non poche furono le discordie tra carmelitani "calzati" e gli "scalzi", ovvero gli aderenti alla sua riforma.

Morì nel 1582 ad Alba de Tormes, fortemente provata nel corpo da dolori e malattie. Oltre all'imponente opera di riforma, Teresa laciò numerosi scritti di carattere mistico, che confermano la sua vicinanza spirituale alla divinità, con la quale era in costante rapporto dialogico.
 

Miracoli di Santa Teresa d'Avila (di Gesù)

Oltre ai fervidi dialoghi con Dio ed alle numerose esperienze mistiche, all'intercessione di Santa Teresa si attribuiscono diversi prodigi. Si narra che la raffigurazione di Gesù Bambino da ella posseduto piangesse ogni volta che la monaca si allontanava dal convento per uno dei suoi viaggi. 
 

Emblema

Giglio
 

Venerata da

Chiesa cattolica.

 

Santa Teresa d'Avila (di Gesù) protettore e patrono

Patrona degli scrittori in lingua spagnola, degli affetti da malattie fisiche, degli orfani

Patrona di Spagna e Croazia, e di numerose località europee

 

Santuario principale

Basilica di Santa Teresa (Alba de Tormes, Spagna)

 

Martirologio romano

Memoria di santa Teresa di Gesù, vergine e dottore della Chiesa: entrata ad Ávila in Spagna nell’Ordine Carmelitano e divenuta madre e maestra di una assai stretta osservanza, dispose nel suo cuore un percorso di perfezionamento spirituale sotto l’aspetto di una ascesa per gradi dell’anima a Dio; per la riforma del suo Ordine sostenne molte tribolazioni, che superò sempre con invitto animo; scrisse anche libri pervasi di alta dottrina e carichi della sua profonda esperienza.

 

Vedi tutti i santi del mese di Ottobre 2020