Nome e Titolo del Santo del Giorno

San Ciriaco (Giuda Ciriaco di Gerusalemme) - Vescovo e Martire

 

Quando si festeggia San Ciriaco?

La ricorrenza in cui si celebra è il giorno 4 Maggio

Come si determina il Santo del giorno?

 

Onomastico del nome

Ciriaco (Ciriaca, Quirico)

 

Vita e opere

Ciriaco, nato Giuda, visse nel IV secolo. Originario della Palestina, secondo la leggenda partecipò alla ricerca ed al ritrovamento della croce di Cristo sul monte del Calvario. Non ci sono testimonianze certe sulla sua vita, ma la tradizione ha raccolto narrazioni apocrife posteriori al suo martirio, che sono state considerate dallo stesso Martiriologio Romano. Sembra che proprio il ritrovamento della croce abbia dato il via alla sua conversione, ed alla sua scelta di cambiare nome.

Trattandosi in origine di un dotto ebreo, la sua conversione non passò inosservata. Si spostò ad Ancona, dove venne eletto vescovo all'epoca del fiorire del cristianesimo. Dopo diversi anni di vescovato, Ciriacò si recò nuovamente in Palestina, con il duplice scopo di rivedere la terra natìa ed i luoghi di Cristo. In Palestina però si scontrò con l'ultima grande persecuzione a danno dei cristiani, capitanata da Giuliano l'Apostata. Ciriaco morì martire il 1 maggio 363, torturato insieme alla madre Anna.

Diverse le teorie su come le sue spoglie siano poi giunte ad Ancona: secondo la leggenda approdarono in Italia fortunosamente, in una cassa sospinta dalla corrente. Più probabile appare la versione seondo cui l'imperatrice Galla Placidia aveva richiesto le spoglie di Santo Stefano per la sua città ma, per andare incontro al suo desiderio, le vennero inviate quelle di Ciriaco, già conosciuto e venerato come martire. La sua commemorazione è fissata al 4 maggio, dopo quella del ritrovamento della croce di Cristo, per ricordare l'evento che diede origine alla sua conversione.
 

Martirio e morte

Diverse sono le torture che Ciriaco sembra aver subito, alcune delle quali appaiono incredibili. Dopo che aveva rifiutato di adorare gli Dei, Giustiniano fece versare del piombo fuso nella sua bocca, con l'intento di zittirlo, ma Ciriaco riprese a parlare poche ore dopo. Venne poi esposto al fuoco su un graticcio, dopo averlo cosparso di grasso e di sale. Rientrato in prigione, qualche giorno dopo la rotrutra riprese: gettato in una fossa piena di serpi, queste morirono improvvisamente per volere degli angeli. Immerso poi nell'olio bollente, e ucciso a colpi di asta. Nonostante tutto, gli studi scientifici sulla salma mummificata hanno in seguito dimostrato la presenza di tracce di piombo, e segni di fratture ossee e bruciature: il martirio di Ciriaco fu realmente di rara crudeltà. 
 

Miracoli di San Ciriaco

Famoso il Miracolo Mariano di San Ciriaco: nel 1796, i cittadini di Ancona si radunarono nel Duomo, pregando impauriti dall'avvicinarsi delle truppe napoleoniche. In quell'occasione, e per alcuni mesi, gli occhi della Madonna raffigurata in un quadro si mossero, sotto lo sguardo di diversi testimoni. 
 

Emblema

Palma e bastone pastorale
 

Venerato da 

Venerato dalla chiesa cattolica 

 

San Ciriaco protettore e patrono

Patrono della città di Ancona

 

Santuario principale

Duomo di Ancona

 

Vedi tutti i santi del mese di Maggio 2020