Nome e Titolo del Santo del Giorno

San Giuseppe Cafasso (Giuseppe Cafasso) - Sacerdote

 

Quando si festeggia San Giuseppe Cafasso?

La ricorrenza in cui si celebra è il giorno 23 Giugno

Come si determina il Santo del giorno?

 

Onomastico del nome

Giuseppe

 

Vita ed opere

Giuseppe Cafasso proviene da una famiglia contadina di umili origini. Nasce nel 1811 a Castelnovo d'Asti, paese natale del noto Don Giovanni Bosco, dove trascorre la prima infanzia e riceve l'istruzione elementare. Si trasferisce poi nel seminario di Chieri (Torino), dove completa gli studi e prende i voti nel 1833, all'età di 22 anni. Inizialmente non si mostrò particolarmente dotato per la predicazione e gli studi, ma una volta entrato nel convitto ecclesiastico torinese, finì per divenirne insegnante ed infine rettore.

Amico di Don Giovanni Bosco, di cui fu per anni direttore spirituale, fu lui ad indirizzarlo verso il sostegno alla gioventù torinese. Si dedicò sia alla formazione di altri ecclesiastici, come confessore e direttore spirituale, sia all'assistenza ai carcerati. La sua opera si svolgeva nelle carceri torinesi, dove era solito recarsi portando doni per i reclusi ed accompagnando al patibolo i condannati a morte.

Chiamato da molti "il prete della forca", la sua presenza, la sua delicatezza, e la sua oratoria riuscivano a conquistare l'animo dei carcerati, che non di rado si pentivano e si convertivano subitaneamente dopo aver parlato con lui. Si narra di un particolare detenuto, decisamente contrario a lasciarsi avvicinare dal sacerdote. Violento ed iracondo, non riuscì a resistere alla bonaria insistenza di Cafasso, che letteralmente si attaccò alla sua barba e la strinse per ore, finché l'uomo, pur di liberarsi di lui, si decise a confessarsi.

Dopo il sacramento, il carcerato apparve sereno e tranquillo, pieno di gioia, ed affermava di non essere mai stato più felice. Cafasso morì a Torino nel 1860; durante gli anni da sacerdote assistette ed accompagnò al patibolo una settantina di condannati a morte, confortandoli fino all'ultimo e promettendo loro la salvezza dell'anima.

Fu canonizzato nel 1947 da Papa Pio XII. 
 

Venerato da

Chiesa Cattolica

 

San Giuseppe Cafasso protettore e patrono

Patrono di carcerati e condannati a morte

 

Santuario principale

Santuario della Consolata (Torino)

 

Martirologio romano

A Torino, san Giuseppe Cafasso, sacerdote, che si dedicò alla formazione spirituale e culturale dei futuri sacerdoti e a riconciliare a Dio i poveri carcerati e i condannati a morte.

 

Vedi tutti i santi del mese di Giugno 2020